Uno degli interventi che preferisco è la Normalizzazione: spiegare che qualcosa che si prova è normale e non patologico.

A volte la terapia è tutta qui.

Nel caso che ho descritto nell’articolo “Single-Session Therapy: A healthful approach to effectively and efficiently solving client problems” (Hoyt & Cannistrà, 2019), la persona vinse completamente il suo DOC (immagini ricorrenti di lui che uccideva moglie e figli) in particolare grazie al fatto che gli dissi che non era malato, ma stava vivendo una difficoltà superabile. Me lo confessò al follow up a un anno, confermando il mantenimento dei risultati: già dopo un mese i sintomi erano spariti.

P.S.: per saperne di più sulla Terapia a Seduta Singola visita www.terapiasedutasingola.it